cover-console-wars-itaIl lato oscuro e pittoresco di un pezzo della storia dell’industria dei videogiochi degli anni ’90 

Console Wars di Blake J. Harris

Oggi le console di gioco nelle case degli italiani superano in percentuale il numero di e-reader;  nell’arco di meno di un ventennio sono diventati strumenti di intrattenimento di massa.

Blake J. Harris riporta il lettore alle origini, al centro della lotta tra Sega e Nintendo, tra il Giappone e gli Usa…

“Come nel Trono di Spade di G.R. R.Martin:

due differenti regni in lotta per la supremazia, ciascuno caratterizzato da differenti punti di forza e debolezza e, soprattutto, entrambi convinti di meritare di sedersi sul trono”.

 
A distanza di poco meno di un anno dagli Stati Uniti, arriva in Italia il libro di Blake J. Harris, Console Wars nella collana Cultura Videoludica di Multiplayer.it Edizioni, editore specializzato in letteratura pop e di intrattenimento.

In tutte le librerie dal 26 marzo, il volume, arricchito da inserti fotografici e da un poster vintage dedicato alla storia delle console Sega e Nintendo, rappresenta una novità esclusiva nel panorama dell’editoria specializzata.

Blake J. Harris, scrittore e sceneggiatore, ha il merito di aver dato vita ad un romanzo che racconta un periodo storico pieno zeppo di cambiamenti e trasformazioni nella cultura di massa e dei mass media, mettendo l’accento sulla complessità e il carisma dei protagonisti di una piccola porzione di questo cambiamento: primo tra tutti l’uomo Mattel, colui che ha rianimato la Barbie e rilanciato le macchinine HotWheels, Tom Kalinske.

Dal libro Console Wars sarà tratto un film grazie a Sony Entertainment Pictures e Scott Rudit (il produttore di The Social Network) con la sceneggiatura del duo Seth Rogen e Evan Goldberg.

 

Una storia interessante, anche tra 50 anni.

Per comprendere il presente, bisogna conoscere il proprio passato, un consiglio che arriva da molto lontano e che secoli di fatti non hanno ancora mai smentito.

Ecco perché se nel mondo oggi ci sono 1,5 miliardi di videogiocatori (Fonte Global Games Market, Report 2014) e se gli ultimi dati sulla diffusione della tecnologia nelle case degli italiani (Istat – Cittadini e nuove Tecnologie – Report 2014) rilevano che le console di gioco sono il 19% (a fronte di un 6% di e-reader), vale la pena conoscere i fatti e gli uomini che hanno contribuito a raggiungere questa condizione.

“Ho volutamente provato a scrivere il libro in modo tale che fosse interessante non solo per le persone di diverse età e di diverse nazioni, ma anche nella speranza che questa storia sarebbe stata altrettanto interessante per i lettori dei prossimi 50 anni”, racconta Harris nell’intervista a Wired.it. “…Ho creduto che lo stile diretto fosse l’unico modo corretto di onorare i dipendenti di Sega e Nintendo per catturare il loro spirito. Ho anche percepito che il libro dovesse essere altrettanto interessante per i giocatori e per i non-giocatori.

In realtà il mio lettore ideale era mia nonna, che non sa nulla di videogiochi. Così, fin dall’inizio, il mio obiettivo era di scrivere un libro denso di fatti e informazioni, ma facilmente leggibile come Il Codice Da Vinci di Dan Brown”.

 

Sinossi

Nel 1990 Nintendo aveva il monopolio virtuale dell’industria dei videogiochi. Sega, invece, era una scalcinata compagnia di giochi arcade con grandi aspirazioni e personalità al suo interno ancora più forti.

Tutto sarebbe cambiato con l’arrivo di Tom Kalinske, ex dirigente Mattel che non sapeva niente di videogiochi, ma che era capace di vincere battaglie impossibili. Le sue tattiche poco convenzionali – insieme al sudore e alle idee coraggiose dei suoi impiegati – trasformarono Sega, portandola ad affrontare – nuovo Davide contro Golia – la rivale Nintendo in una lotta senza quartiere per il predominio nel settore.

Non poteva immaginare, tuttavia, che il successo di Sega gli avrebbe procurato molti nuovi nemici, e, soprattutto, che avrebbe finito per rendere Nintendo più forte che mai…

Ma mentre le due aziende lottavano casa per casa per ottenere il predominio nel settore e i ragazzi di tutto il mondo sceglievano da che parte stare, una rivalità ancora più grande stava nascendo, e sarebbe sfociata in una guerra civile.

Fu un conflitto unico e senza esclusione di colpi, che mise i fratelli contro fratelli, Sonic contro Mario e gli USA contro il Giappone.

Basata su oltre duecento interviste con ex dipendenti di Sega e Nintendo, Console Wars è la storia di come Tom Kalinske riuscì miracolosamente a trasformare una piccola azienda in un mostro sacro del mercato mondiale. Blake J. Harris ci mostra i protagonisti, le strategie e le battaglie, ed esplora come trasformarono per sempre la cultura popolare.

 

Biografia

Blake-J-Harris_AutoreBlake J. Harris è scrittore e regista. Attualmente vive a New York.

Dopo essersi laureato in Scrittura Creativa alla Georgetown University, ha fondato la Flying Penguin Pictures ed è stato coautore di The Flying Scissors, prima produzione della compagnia, nonché di Such Great Heights, documentario ambientato nel mondo delle arti marziali uscito per Warner Bros nel 2011.

Harris è poi stato ingaggiato da Sega, in Giappone, per girare una serie di cortometraggi per la riedizione di alcuni dei suoi più famosi videogiochi. Al momento ha due progetti in ballo: un documentario con Mayhem Pictures (The Game Plan, Miracle) sull’ascesa vertiginosa del gigante del software Electronic Arts, e un film con Mark Gordon, produttore di Source Code e Independence Day.